Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Silvia Sabatini
Le neviere e il commercio della neve a Perugia
 


Prefazione di Donatella Donati
Con appendice documentaria


Isbn: 9788860748850
Pagine: 106
Anno di pubblicazione: 2017
Collana: Saggi sul Territorio

€ 10,00

Questa ricerca dimostra l’esistenza e l’uso delle neviere nel territorio perugino in un’epoca storica compresa tra il Medioevo e la fine del Settecento, a partire dai dati ritrovati nei principali archivi storici della città. L’attento studio dei documenti e delle carte ha permesso di far luce su un aspetto ancora poco noto della storia di Perugia, finalmente ricostruito con dovizia di particolari e corredato da una ricca Appendice documentaria.
Se è vero che per essere felici nella vita bisogna seguire i propri interessi, questo è ciò che ha fatto l’autrice, augurandosi che lo studio della storia locale porti i contemporanei ad una comprensione della realtà più viva e veritiera.

Informazioni sull'autore
Silvia Sabatini è nata e vive a Perugia, dove si è laureata con il massimo dei voti in Lettere, nel 1992. È sposata e ha due figli. Ha partecipato, ottemperando agli obblighi di frequenza e contemporaneamente alla formazione universitaria, al corso per Archivisti della Scuola di Archivistica, Paleografia e Diplomatica dell’Archivio di Stato di Perugia. Si è subito dedicata ad attività di ricerca storica, bibliografica e archivistica, con particolare attenzione per il territorio. Ha al suo attivo uno studio sulle varianti urbane in Umbria (per l’Università della Sapienza di Roma), la pubblicazione di due Carte dell’Umbria in scala 1:250.000 del 1000 e 1300-1400 (per il Consorzio Protecno di Perugia) e una ricerca (pubblicata per conto della Regione Umbria) sulle varie fasi di vita dell’edificio di S. Matteo degli Armeni in Perugia. Alcune docenze di Archivistica e Ricerca Storica per Corsi di Formazione, sempre per il Consorzio Protecno, completano il quadro del percorso formativo.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari