Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Andrea Rega
Tecnologia e scienza nel futuro della politica
 
Il dibattito tra J.B.S. Haldane e B. Russell

Isbn: 9788860748447
Pagine: 140
Anno di pubblicazione: 2017
Collana: Zetema

€ 13,00

Il volume propone alcune chiavi di lettura per interpretare l’insieme dei significati legati alla querelle, di inizi anni ’20, tra J.B.S. Haldane e B. Russell. Un dibattito poi sfociato nella pubblicazione, a quattro mani, del libro: Dedalo o la scienza e il futuro. Icaro o il futuro della scienza. Diversi temi, all’interno dei due rispettivi saggi che animano la disputa, verranno affrontati, con forza premonitrice, dai due pensatori britannici. Haldane e Russell, nel contrapporsi di prospettive ottimiste e pessimiste, raccoglieranno la sfida di esplicitare le relazioni che intercorrono tra tecnologia, scienza e politica. Nell’insieme delle due differenti posizioni, non riducibili in un’unica sintesi, emerge un tentativo notevole capace di rilevare l’aspetto ancipite della tecnologia come applicazione dei successi della scienza. Tema di assoluto rilievo, a più riprese, scandagliato, nel corso del Novecento fino ai nostri giorni. Una problematicità destinata, ancora e a lungo, a ravvivare l’interesse filosofico proteso ad identificare limiti e opportunità sottesi all’enorme protesi tecnologica che caratterizza la vita umana, tanto da rendere possibili inaudite forme di libertà e altrettante minacce di soggiogamento.


Informazioni sull'autore
Andrea Rega, Ph.D. in Formazione della persona e mercato del lavoro, collabora per la realizzazione di periodici scientifici, con il CQIA dell’Università di Bergamo. Ha pubblicato, per riviste accademiche italiane ed estere, diversi saggi inerenti il rapporto tra tecnologia informatica e problematiche educative. Con questo lavoro, per i nostri tipi, ricostruisce, in chiave storico-critica, i prodromi del discorso filosofico sugli effetti dell’evoluzione tecnologica nella contemporaneità.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari