Menu Newsletter
 Iscriviti alla nostra newsletter!
email

Alessandro Risi
I fondamenti della psicologia scientifica
 
Da Kant ai neokantiani

Isbn: 9788860748782
Pagine: 236
Anno di pubblicazione: 2017
Collana: Zetema

€ 15,00

Il ruolo e la funzione della psicologia tra le scienze è una questione non ancora risolta, come già in passato quando a prevalere era il modello aristotelico che non riconosceva alla psicologia uno statuto indipendente dalle scienze biologiche. Il presente studio è un lavoro propedeutico a una più precisa determinazione di questo ruolo e funzione, sviluppando una sorta di “fenomenologia dello spirito soggettivo” che cerca di spiegare la rilevanza in sé della dimensione della soggettività e il suo rapporto con l’oggettività. Questo compito è assolto in un duplice modo, storico e teoretico insieme: quello teoretico in rapporto alla critica teoretica di Kant, per cui la costituzione del soggetto psicologicamente determinato è il rovescio della medaglia del processo costitutivo della costituzione del soggetto trascendentale, oggetto delle tre Critiche. La modalità storica è poi compiuta mediante un percorso che parte da Kant e si sviluppa attraverso i filosofi che più hanno aperto la strada all’idea della psicologia come scienza, quali Herbart, Fries e Beneke, arrivando infine ai neo-kantiani che hanno riproposto il tema della psicologia in rapporto alla critica kantiana e in particolare Jurgen Bona Meyer, Hermann Cohen e pure Dilthey, pensatore che ha diversi punti di contatto con il neokantismo, anche in relazione al suo rapporto critico con Husserl.
Informazioni sull'autore
Alessandro Risi è uno studioso di filologia classica formatosi all’Università Statale di Milano, interessato a studi sull’epica e il teatro classico e romano e a questioni antropologiche come l’origine del Cristianesimo; a proposito ha pubblicato nel 2016 un ampio saggio sulle parabole del Nuovo Testamento e sta lavorando attualmente a uno studio complessivo sulla tradizione sinottica. Gli studi antropologici gli hanno permesso di affrontare anche temi di storiografia filosofica, legati alla filosofia antica, approfondendo in particolare lo stoicismo e le filosofie ellenistiche e socratiche. Da tale interesse si è sviluppato poi il confronto con lo studio della filosofia contemporanea e moderna e del kantismo, che gli ha permesso di approfondire il problema della soggettività, tema centrale del presente volume.

www.morlacchieditore.it 2014 | Tutti i diritti riservati
website: Attilio Scullari